50553597_2254635414777052_1992666299070676992_n.jpg

Pillola ∞ al Cioccolato ∞

VENERDI’ 4 FEBBRAIO 2019

Ore 21:00

Dai Racconti Fantastici di Antonella Antonelli e Re

 

INTRODUZIONE AI RACCONTI


3 Fantastorie di alchemiche ricerche di coppie spaiate

 

“ Studia la vita lo scienziato

e la traveste di formule

poeta di alchemica e d’incanto.

Sentite?

L’orizzonte ci chiama

e l’universo s’apre

alla complicità del gesto.

 

E’ della nostra unicità

che si compone il tutto. “

 

Possiamo equiparare il lavoro dello scienziato a quello del poeta, dello scrittore, del drammaturgo? Perché no!? In fondo, dov’è la sede della creatività?

Non è forse là, dove vivono i mondi più nascosti? Dov’è se non nelle galassie più lontane e nella fantasia più sfrenata?

Si dice sempre a partire da Verne…, ma cosa ne sappiamo di quello che si dicevano nelle caverne i nostri intraprendenti progenitori? Al buio e poi alla luce di un fuoco sacro e fioco, è possibile che si raccontassero solo le banalità della giornata appena trascorsa, la caccia o la lotta, o invece, magari sbirciando la volta celeste venivano fuori, anche dal loro infinito, racconti incredibili e inimmaginabili?

Di quanta fisica, matematica, statistica è impregnata il nostro viaggiare nei secoli tra i neuroni? Non lo sappiamo, o meglio, potremmo ipotizzare che ancora non lo sappiamo, ma è certo che oltre l’orizzonte c’è un’altra galassia e oltre il pensiero e la fantasia c’è un altro pensiero e un’altra storia, e come l’universo è espanso e il tempo e lo spazio sono come il vento, non hanno confini di filo spinato, così la mente, come il sogno, non contempla limiti, ma solo ponti e nebbie da attraversare.

Ascoltate questi tre racconti con gli occhi socchiusi, no, non ho detto chiusi…con la curiosità tra le palpebre, e proprio come nel sogno incontriamo i nostri cari, seppure a volte estinti, così nel racconto incontreremo i nostri simili seppure inesistenti o ancora, al di là dello spazio e del tempo passato o …a venire.

 

E siate indulgenti, loro non sanno di essere ascoltati.

CONCLUSIONI

 Forse tutto questo ci induce a pensare che le coppie unite, divise, diverse, identiche, vicine o lontane, da sempre, costituiscono un nucleo che vive grazie ad un calcolo combinatorio assolutamente anarchico costituito di elementi tratti dalla chimica, dalla fisica, dagli ormoni, dalla poesia, dal teatro e le combinazioni potrebbero essere infinite, ma l’energia sprigionata è sempre la stessa : calore… ma così intenso da poter guardare oltre le stelle e spostare i pianeti.

 

Grazie

Reading con

Antonella Antonelli

Fabrizio Costanzo

Rosaria Sfragara

Regia di

Massimiliano Milesi
 

BIGLIETTO



✆ Per info e prenotazioni potete mandarci un messaggio sulla pagina Facebook , chiamare lo 06 68 74 167 oppure scrivere a eventiteatrali.teatroagora80@gmail.com